William Carlos Williams, NELLE VENE DELL'AMERICA

Stampa PDF

William Carlos Williams, NELLE VENE DELL'AMERICA @ In the American grain, 1933, traduzione di Aldo Rosselli e Rodolfo Wilcock, Preambolo dell'A., p.11, Milano, Adelphi, 1969, pp.1-314

 


p.13  Eric il Rosso

p,21  La scoperta delle Indie - Cristoforo Colombo

p.47  La distruzione di Tenochtitlan - Cortez e Montezuma

p.61  La fonte dell'eterna giovinezza

p.69  De Soto e il Nuovo Mondo

p.87  Sir Walter Raleigh

p.93  Viaggio del 'Mayflower'

p.101  La fondazione di Quebec

p,109  L'albero di maggio a Merry Mount

p.117  Wonder of the Invisible World' di Cotton Mather

I. Fatture e incantesimi

II. Il processo di Bridget Bishop a Salem

III. Curiosità

p.147  Père Sebastian Rasles

p.179  La scoperta del Kentucky - Daniel Boone

p.193  George Washington

p.199  Il povero Riccardo - Benjamin Franklin

p.217  La battaglia tra il 'Bon homme Richard' e il 'Serapis'

p.236  Jacataqua

p.253  La virtù della storia - Aaron Burr

p.279  L'avvento degli schiavi

p.285  Discesa

p,291  Edgar Allan Poe

p.313  Abraham Lincoln


…la mia abbrutente lotta ventennale per udire me stesso

al di sopra del rumore dei fabbricanti  di caldaie di New

York e dintorni, dove così precariamente avevo iniziato

la mia carriera letteraria.: p.148


"..Dappertutto ho cercato d'isolare dai documenti originali qualche aroma veramente peculiare, la forma, rivelatrice del carattere, che la forza unica ha prodotto. Talvolta è la figura d'un uomo come Washington, talvolta un resoconto letterale dei processi alle streghe - "..A coronamento di tutto ciò, John Bly e William Bly testimoniarono: Che essendo stati assunti da Bridget Bishop, per aiutare a buttar giù il muro della Cantina della vecchia Casa in cui essa prima abitava, essi trovarono in alcuni buchi del suddetto vecchio Muro diversi Pupazzi, fatti di cenci e Setole di maiale, irti di Spilli senza capocchia, con le Punte rivoltate in fuori; della quale cosa essa non riuscì a fornire alcuna Spiegazione alla Corte, che fosse ragionevole o tollerabile."; "Ma ci sono molte altre di queste Maledette Imitazioni, se vogliamo Accettare per buone le Confessioni delle Streghe;  cosa questa, confesso, che andrebbe fatta con molta Cautela..Che cos'è allora far Alzare i Sofferenti, con un solo tocco della Mano?..Che cos'è il loro Coprire se stesse di Invisibilità? Ebbene, tutto ciò è soltanto un'Imitazione Blasfema di certi Atti registrati del nostro Salvatore o dei suoi Profeti, o dei Santi nel Regno di Dio." - o una lettera di Franklin agli aspiranti emigranti; ho voluto trarre da ogni fonte una cosa: lo strano fosforo della vita, innominato sotto una vecchia e falsa denominazione.": Preambolo dell'Autore (Rutheford,1883-.Rutheford, 1963).


<Viaggio del 'Mayflower'>

"I Pellegrini erano seme della lussureggiante fioritura dell'Inghilterra dei Tudor..

In quei piccoli semi venne raggiunto un nadir, sicuro come il sole, dove si celava il carattere degli inizi del Nord America.

I primi arrivati come gruppo, mossi da un desiderio sorto dentro di loro, costituirono la prima democrazia americana, e proprio loro, alla fine, sarebbero riusciti a rendere tutto simile a se stessi..Fin dall'inizio patirono guai..

Nessuno si sarebbe aspettato che questo seme dell'Inghilterra finisse impersonando e sposando il primitivo stesso, insinuandosi negli stessi intestini dei coloni per rivoltarli contro se stessi, a lordare il Nuovo Mondo.

E' diventato 'il paese senza legge del mondo civile', un panorama di assassinii, perversioni, una spaventevole forza incontrollata, scusabile soltanto per l'orrenda bellezza delle sue grandi macchine. Quella odierna è una generazione di grossolana ignoranza, di chiese annerite dove gli inni religiosi gemono come litanie che salgono da giungle stupefatte..

Che cosa ha impedito la crescita normale?..Fu, naturalmente, l'intero peso del continente selvaggio a favorire la loro condizione mentale, costringendola a riprodurre le sue proprie sembianze, e null'altro."


<Edgar Allan Poe>

"..E' il Nuovo Mondo o, per scegliere un termine migliore, è un nuovo luogo che in Poe viene asserito; è l'America, il primo grande emergere fino al livello dell'espressione d'un ridestato genio del luogo..

Quello che ha in mente, è un inizio, una giovanile letteratura locale..

Era una popolazione stragonfia di millanteria, quella che Poe sintetizza così meravigliosamente in molti dei suoi racconti. Per uomini simili, per tutti loro, l'esperienza più terribile del mondo è essere smascherati. Questo fece Poe con velenosa precisione..

Era americano. Era lo stupefacente, inconcepibile prodotto del suo luogo. A bocca aperta lo guardavano, e lui loro, con sorpresa. Poi, con odio reciproco; lui, per la ripugnanza; loro, per la diffidenza. Soltanto ciò che ti sta sotto il naso sembra inspiegabile..

Qui emerge Poe: niente affatto come lo scrittore bizzarro, isolato, il curioso personaggio letterario. Al contrario, in lui è ancorata la letteratura degli Stati Uniti, in lui soltanto, saldamente..

La volontaria eliminazione di un paesaggio NATURALE lo costrinse entro un campo che egli doveva ricercare, un campo di fredda logica, di invenzione, nel quale il suo lavoro deve tuttavia presentare un'apparenza naturale: lo costrinse alla sua prosa fantastica..

Del suo metodo, nei Racconti, il significato e il segreto sono delle autentiche particelle, di cui mille vengono subito in mente per citarle, smembrate e ritenute allo scopo di sottolineare, rafforzare e rendere evidente il metodo..

Poe è conosciuto come poeta, eppure ci sono soltanto cinque poesie, forse tre..

La migliore poesia è To One in Paradise.".

 

Vedi Foto