Jack London, STORIE DI PUGNI

Stampa PDF

Jack London, STORIE DI PUGNI - con l'inedito Il match del secolo e con Il messicano, Una bistecca, Il gioco, pp.1-127, Prato, Piano B edizioni, 2010



Jack London (1876-1916), giornalista e scrittore, oltre ai romanzi come
Martin Eden, Zanna Bianca e Il richiamo della foresta, ha scritto molti resoconti sportivi, sulla boxe in particolare.



<Il messicano> (1911)

In fase d'incubazione della rivoluzione messicana del 1910, Felice Rivera, pugile a livello amatoriale ritenuto una spia di Porfirio Diaz dagli altri membri del Club liberale di immigrati messicani a Los Angeles, devolve alla cassa del Club la borsa dell'incontro vinto contro un avversario di grido.


<Una bistecca> (1909)

Nel match da trenta sterline di borsa, "la gloriosa Gioventù" di Sandel ha infine ragione di Tom King, pugile a fine carriera, che ricorda quel pezzo di bistecca desiderata fin dal mattino - "Provò un rancore terribile per quei macellai che non avevano voluto fargli credito." - che avrebbe reso "abbastanza duro e rapido" il colpo decisivo.


<Il gioco> (1905)

Colpito alla punta del mento per essere scivolato su una chiazza d'acqua, Joe entra in coma alla vigilia delle nozze.


<Il match del secolo> (1910)

"- Sono qui. -" - direbbe Lamberto Artioli, a Reno, Nevada, il 3 luglio 1910, per il combattimento tra l'imbattuto campione bianco James Jeffries (1875-1953), soprannominato "la grande speranza bianca" e il campione in carica dei pesi massimi, il nero Jack Johnson (1878-1946), il "gigante di Galveston", primo evento a suscitare un interesse planetario, tanto da essere filmato per la spesa record di 250.000 dollari: pellicola poi censurata, per non mostrare lo strapotere fisico e tecnico dell'uomo di colore su quello bianco.