Massimo Bontempelli, SETTE SAVI

Stampa PDF

Massimo Bontempelli, SETTE SAVI - Novelle, Milano, Società Editoriale Italiana, 1916, pp.1-191




Sei racconti - "..non racconto dei fatti, ma solo uno svolgimento d'idee": p.37 - a tesi: sulla ricerca del "giusto mezzo dei filosofi sulla linea della felicità": p.38; sulla non/paura di morire; sul non/rassegnarsi ad essere nella vita uno come tanti: p.61; sull'invidia "contro i soli - i ricchi - che possono uccidersi": p.106; sulla parzialità della giustizia; e sul dualismo anarchismo-disciplina militare, inattuali.
Fa eccezione il settimo: "L'ombra e il sole", che potrebbe, indifferentemente, attribuirsi a un Celati o a un Benni.
Anselmo Menni, dottore in filosofia e umanitario, s'accinge a pubblicare il "Metodo per girare Roma d'estate senza prender sole".
"..Egli partì, nel compilare la sua guida, dall'ipotesi d'un camminatore che debba percorrere vie e piazze, allo scoperto sempre, dalle 10 alle 17 d'ogni giorno, nei mesi di luglio e d'agosto.
Si preparò all'opera con ardore e serietà.
In questa prima stagione di lavoro s'accorse che in qualche parte l'immunità assoluta dal sole non era possibile. Ma scoprì pure che ivi si poteva ricorrere a qualche passaggio ignoto: entrare in un cortile, e trovarvi una doppia uscita, sì da cambiar la direzione sfuggendo una plaga soleggiata altrimenti inevitabile; o quella parallela ove una gronda migliore porgesse un riparo più continuo.".
Fino a morire d'insolazione.