Karl Kraus, ELOGIO DELLA VITA A ROVESCIO

Stampa PDF

Karl Kraus, ELOGIO DELLA VITA A ROVESCIO, traduzione di Nada Carli, prefazione: 'Cronache dall'Apocalisse', pp.IX-XXI, Note alla prefazione, pp.XXII-XXVIII, Cronologia di Karl Kraus, pp.XXIX-XXXVI, Nota bibliografica, pp.XXXVII-XLIV e Note ai testi, pp.146-149 di Michele Cometa, Pordenone, Studio Tesi srl, 1988, pp.1-155

 


p.3  Sui visi (1908)

[p.7  Elogio della vita a rovescio (1908)]

p.12  Sui monumenti (1908)

[p.17  Il mondo della pubblicità (1909)]

p.24  La discrezione dei medici (1909)

p.32  La cometa a Vienna (1910)

p.36  La pelliccia di castoro (1910)

p.44  Parole schiette (1912)

p.46  Chiamo il Pronto Soccorso (1912)

p.48  Credo al diavoletto dei refusi (1912)

p.49  Collezionare fiori stilistici (1912)

p.50  Il tono (1912)

p.62  Un pregiudizio (1913)

p.63  Soci (1913)

p.65  Devo diventare novista? (1913)

p.71  Riconoscimento da parte di…(1913)

p.72  La cosa secondaria (1915)

p.74  La miscela europea (1916)

p.75  Letterati sotto l'aquila bicipite (1917)

p.80  Risparmiate i bambini! (1917)

p.85  In Downing Street non c'è il bagno (1917)

p.87  Non ne vogliono sapere di noi (1917)

p.89  La nostra Pallade Atena (1918)

p.91  Una lettera di Rosa Luxemburg (1920)

p.94  Una donna priva di sentimentalismo risponde a Rosa Luxemburg (1920)

p.102  Etimologia (1923)

p.103  Un giornalista cacciato dalla cameriera di Eleonora Duse (1923)

p.107  Un'indole à la Ebner-Eschenbach (1923)

p.110  Noi due (1924)

[p.116  Gli effetti e le conseguenze della Rivoluzione russa per la cultura mondiale (1924)]

p.118  Benedizione della guerra (1925)

p.134  La scoperta di Kerr (1929)

p.139  Visita a Wassermann (1929)

p.142  Una figura leggendaria (1931)

p.145  Tutto un imbroglio (1931)


Trentacinque articoli da "Fackel" ("Fiaccola"), rivista viennese che, "utopista condannato a un eterno vaniloquio, intruso insultante sconfitto non dalla storia ma dagli infiniti rivoli ammorbanti di quella cronaca che ci viene infaticabilmente servita a tutte le ore.": Roberto di Vanni, prefazione: 'Veleni e contravveleni' a: Karl Kraus, Heine e le conseguenze", Genova, Graphos, 1993, p.13, ideò e diresse nell'arco di 37 anni e 922 numeri, facendone, in "un ossessionante universo citazionistico",  che condanna gli uomini usando le loro stesse parole, "un immenso, parossistico collage, un montage che vive delle rovine d'un universo linguistico ormai in decomposizione.": prefazione, p.XVIII.


"Il 'Neues Wiener Tageblatt' annuncia:

'Nella rappresentazione a scopi benefici dell'altroieri alla Residenzbuhne, la signorina Kate Pasqué nella parte di Lotte nel Werther di Massenet ha dato ottima prova di sé. La giovane artista s'è fatta notare per le sue notevoli qualità di voce'.


La notizia è giusta, solo che invece del''altroieri' si sarebbe dovuto scrivere 'dopodomani'. Allora infatti si era ancora convinti che la rappresentazione di beneficenza avrebbe avuto luogo. Invece è stata sospesa, non c'è stato alcun Werther, nessuno ha dato prova di sé e nessuno s'è fatto notare per le notevoli qualità della sua voce. Ma non fa niente, purché sia giusto l'essenziale."

<Un pregiudizio, p.62>


"Prima assoluta al teatro Reinhardt di Berlino.

E' un titolo o una recensione?"

<Tutto un imbroglio, p.145>