Joseph Conrad, ULTIMI ROMANZI

Stampa PDF

Joseph Conrad, ULTIMI ROMANZI, Introduzione, pp.XV-LVI, Prontuario dei termini marinareschi, pp.827-829 e Repertorio delle parole straniere, pp.831-835, di Franco Marenco, Note, pp.807-826, di Ugo Mursia. In copertina: Ippolito Caffi, Veduta di Genova dalla collina di Granarolo (particolare), c.1850, (olio su tela, Venezia, Museo d’Arte Moderna). Milano, Mursia, 1981, pp.1-842

 


p.15  VITTORIA - Romanzo insulare @ 1914, traduzione di Renato Prinzhofer e Ugo Mursia

ROMANZI MEDITERRANEI

[p.251  LA FRECCIA D’ORO  @ 1918]

p.467  SUSPENSE - Romanzo napoleonico @ 1925 (postumo), traduzione di Renato Prinzhofer e Ugo Mursia

p.627  IL PIRATA @ 1923, traduzione di Renato Prinzhofer e Ugo Mursia


Vittoria

Axel Heyst è uno svedese, che, dopo aver vagato per quindici anni nell’arcipelago malese, s’è stabilito nell’isola di Samburan. Non ha altro contatto col mondo che il passaggio, una volta al mese, di Davidson, capitano d’una nave che fa il piccolo cabotaggio nell’arcipelago; con lui egli va talora a Surabaya, sull’isola di Giava, dove suole scendere all’albergo d’un certo Schomberg. Un giorno arriva lì un’orchestra di ragazze europee e Heyst, preso da pietà dall’aria disperata d’una di loro, Magdalene (o Lena), si dilegua con lei, portandosela sull’isola. E’ la sua ‘vittoria’. Capitano all’albergo di Schomberg due avventurieri, Mr.Jones e il suo accolito Martin Ricardo e Schomberg dipinge a costoro Heyst come un masnadiero che ha accumulato un tesoro imbrogliando e rapinando quanti l’avvicinavano. I due banditi s’imbarcano per Samburan con l’idea di rapinarlo. Il capitano Davidson, approdando sull’isola, trova Lena morente, colpita per errore da una fucilata di Mr.Jones. Questi uccide anche il suo compagno, quando s’accorge che stava per tradirlo. Heyst sceglie di morire accanto alla donna, dopo aver dato fuoco alla casa.


Suspense

Romanzo ambientato tra Genova - sfondo della narrazione - e l’isola d’Elba, dove l’ex imperatore francese si trova confinato e da cui prepara l’evasione, che farà la storia.


Il pirata

Siamo sulle coste meridionali della Francia dopo la Rivoluzione del 1789 e durante l’ascesa di Napoleone. E’ qui che il vecchio Peyrol, corsaro e cannoniere della flotta rivoluzionaria, torna per potersi finalmente riposare. Fin quando, nell’imminenza della battaglia di Trafalgar, il pirata si trova a insidiare con la sua tartana la flotta guidata dall’Ammiraglio Nelson.