Jane Austen, EMMA

Stampa PDF

Jane Austen, EMMA, @ 1816, traduzione di Vittoria Comucci, Milano, Fratelli Fabbri editori, pp.1-283

 


Emma Woodhouse, rimasta padrona assoluta della casa dopo il matrimonio della governante e della sorella, vorrebbe combinare, per una giovinetta che ha accolto in casa come compagna, Henriette Smith, un buon matrimonio con Mr. Elton, il giovane pastore del luogo; questi però, interpretando male le sue gentilezze, chiede la mano di Emma e ne è respinto. Intanto Frank Churchill, figliastro della governante di Emma, segretamente fidanzato con Jane Faifarx, per nascondere questo legame si mostra pieno di premure verso Emma, che crede d’esserne innamorata. Ma il fidanzamento segreto viene svelato e la fanciulla ha una nuova mortificazione. Ancor più ella soffre quando s’accorge che Henriette spera di sposare Mr. Knightley, una delle poche persone che vedano i difetti di Emma e osino rimproverarglieli, e che lei s’accorge adesso d’amare veramente. Knightley però chiede Emma in matrimonio ed Henriette acconsente a sposare Robert Martin, rifiutato una prima volta per consiglio di Emma che lo considerava un partito troppo modesto.