Thomas Hardy, JUDE L’OSCURO

Stampa PDF

Thomas Hardy, JUDE L’OSCURO, traduzione di Gian Dauli, introduzione, pp.7-11 e Nota bio-bibliografica, pp.12-15, di Maria Stella, Roma, Newton & Compton editori s.r.l.,1996, pp.1-300

 


Giuda Fawley è un povero muratore indotto a quel mestiere per guadagnarsi i mezzi che gli permettano di sollevarsi e raggiungere i suoi ideali di vita migliore. Ancora giovane, s’innamora di Arabella Donn, che riesce a farsi sposare da lui ma che presto l’abbandona. Superata questa prima crisi della sua vita, Giuda torna con passione ai suoi studi e ai suoi sogni, da cui l’allontana la passione per una vivace e ’intelligente cugina, Sue Brideheade. Sue sposa Phillotson, un vecchio maestro di scuola, ma poi l’abbandona e si rifugia presso Giuda, che s’era sforzato di soffocare la sua passione per lei. Essi vivono insieme e hanno figli, ma su loro pesa la disapprovazione del mondo. La coppia precipita sempre più in basso, i figli periscono tragicamente e Sue, presa dai rimorsi, torna dal marito. Giuda allora s’abbandona all’alcool, contro cui aveva cercato di lottare, riprende i suoi rapporti con Arabella  e infine muore.


Costante l’ispirazione, ricercato fino ala leccatura lo stile, ancora attuale l’imprint.