Gianni Brera, I PERCOME E I PERCHÈ

Stampa PDF

Gianni Brera, I PERCOME E I PERCHÈ, Introduzione di Claudio Rinaldi, Pavia, Edizioni Selecta, 2001, pp.222

Contiene: “I racconti finalisti del Quarto Premio Gianni Brera di Narrativa Regionale”, assegnato tutti gli anni a S.Zenone Po (PV): pp.11-153 e “Undci scritti inediti” di Brera: pp.155-221.
Non del tutto inediti, in quanto “Vini di Lombardia” era la sezione-testo del libro fotografico: “La strada dei vini in Lombardia”, Como, E.P.I, 1986; e “Amore e odio per Don Lisander”, col titolo “Don Lisander” si trova già ne “Il Principe della Zolla”, Milano, Baldini&Castoldi, 1993.  

“Niente fumo? Ma è come dormire senza sogni!” riflette opinioni analoghe a quelle contenute in “Introduzione alla Vita Saggia”, Milano, Sigurtà Farmaceutici, 1974; e le variazioni di “Amo il Friuli e la sua cucina popolare” estendono un po’ a Est l’ideale meridiano di confine stabilito in quelle del “Viaggio nel Nord Est” (le ultime 100 pagine sulle 400 complessive) che in “Storie dei Lombardi”, Milano, Baldini&Castoldi, 1993 era fissato a Vicenza.

C’è poi  un saggio breriano di poesia dialettale: “Balada d’un povr’om” - A Madunet, ultimo poeta pavese:
I
Madunett, pardunèm, l’è no mé culpa
se ‘l “Torchio” ‘l ma custring a scriv in rima
par puetà cun voeuia e cu ‘n po’ ‘d pulpa
avarissi duvu imitav prima…

Nissun, che sappia, ha mai fatt mei che vu
int la lingua che parlam da fiulin.
S’ agh pensi ben gh’è nanca riessu
Al vos maestr’ istess, al Fasulin…

E s’ha vultà tutt coss. Passi ‘d Pavia,
cerchi ‘l Pont Vegg, al tecc, i culunin,
i carpan dal mulent [le carpe del mollente, ndc]  ferm int l'umbria,
al su ch' l'incendia l'acqua del Tesin,

j ombar [le ombre, ndc] che cress dal fond sutta i vulton,...

Finì anca quest. Mi credi, Madunett,
che i bomb j han no tratt giù 'nmmà 'l nost Pont Vegg,
ma numm, i noster sogn, i bei fiulet,  
un mond cun i so facc e cu j so legg.

In des an ch'ha pasà, ho mis giù pansa,
fo fadiga a pensà de vè stat fioeu.
Sum custrett a tegn bon cal poch che 'm vansa,
a ves giamò cuntent dal poch che 's poeu.