Maria Angela Levratto, FELICE LEVRATTO

Stampa PDF

Maria Angela Levratto, FELICE LEVRATTO - Storia di un mitico campione di calcio che “sfondava” le reti, Presentazione di Francesco Gallea, foto in b.n.n.t., pp.1-170, Torino, Graphot Editrice, 1997

Maria Angela Levratto (Roma, 1935-), scrittrice di articoli pratici sulle culture orticole e di allevamento animali su riviste specializzate, ha pubblicato, con il marito scrittore di narrativa Glauco Bigongiali (Livorno, 1932-) il libro-manuale “Via dalla città - Manuale di consigli pratici per l’acquisto, la conduzione e il pieno godimento della casa di campagna”, Bologna, Edagricola, 1993

E’:
-figlia di Felice Levratto (1904-1968)
-al suo primo libro
-autrice dell’unica biografia esistente del ‘bomber’
Di qui il dettato istintivo e il brusco trapasso dei capitoli, (dalla prima ‘tessera’ del Vado F.C., che vince la prima Coppa Italia: 1922, Vado-Udinese 1-0, r. Levratto 1270’ [si giocava ad oltranza, ndc] ; alle Olimpiadi del ’24 e del ’28; al passaggio nel 1925 al Genoa , a quello - “..Piccole incomprensioni erano sorte fra compagni, disorienta il comportamento dell’allenatore De Vecchi che fa prove su prove: opera cambiamenti non sempre riusciti e la disciplina non risulta delle più eccellenti. Felice, pur amando il Genoa, incomincia a considerare l’eventualità di cambiar aria.”: p.74 - all’Ambrosiana nel 1932; alla Lazio [con Piola, ndc] nel 1934; e al Savona in C nel 1936-1938); a riscontro di qualche dato (“..Era diventato l’idolo degli sportivi genovesi e italiani; il suo volto si poteva vedere ovunque, persino nelle carte delle caramelle, stampato su centinaia di figurine che andavano a ruba fra i ragazzini che se le scambiavano per completare il loro ‘album’ di campioni.”; “..Quando il campione partiva da Vado per disputare le partite, era consuetudine ed un onore che un giovane vadese a turno lo accompagnasse per ‘portargli la valigia’ fino a Genova.”. p.58; “..altri grandi giornalisti che avevano creduto in lui nel periodo genoano, come Bruno Roghi, Renzo Bidone, Vezio Murialdi e, successivamente, Edilio Pesce.”: p.115; “..Durante gli allenamenti si esibisce per la gioia dei giovani tifosi laziali nel caratteristico palleggio, calciando di punta, collo, tacco del piede, colpo di testa, passando la palla quindi sul muscolo del braccio e così senza stancarsi, quasi in un muto dialogo personale con il suo amico pallone.”: p.121.) di prima mano.
Poi nella vita di Levratto - come in quella di tutti - irrompono la nefasta guerra voluta dal Duce (pericoli mortali e fame sperimentati) e i suoi strascichi (impieghi, perlopiù da allenatore - con l’eccezione della Fiorentina 1956/57 - rimediati), fino al 2.8.1968.

<Le partite ‘delle reti sfondate’>
Vado-Udinese
Torino-Genoa
Ambrosiana Inter-Alessandria
Ambrosiana Inter-Palermo
Italia-Svezia
Italia-Spagna

<Gare disputate in squadre di Serie A>
1922                              Juventus                                  Tournée in Germania
(7 presenze, 10 reti)
1924-25                        Hellas Verona                          9° posto con 18 punti Girone A Lega Nord
1925-26                        Genoa                                       3° posto (21 presenze, 10 reti)
1926-27                        Genoa                                       4° posto(19 presenze, 7 reti)
1928-29                        Genoa                                       4° posto (27 presenze, 11 reti)

Serie campionato a girone unico
1929-30                          Genoa                                     2° posto (33 presenze, 15 reti)
1930-31                          Genoa                                     4° posto (19 presenze, 7 reti)
1931-32                          Genoa                                     11° posto (32 presenze, 5 reti)
1932-33                          Ambrosiana Inter                    2° posto (33 presenze, 19 reti)
In questo anno capeggiò la classifica cannonieri
1933-34                          Ambrosiana Inter                    2° posto (30 presenze, 6 reti)
1934-35                           Lazio                                      5° posto (22 presenze, 4 reti)
1935-36                           Lazio                                      7° posto (20 presenze, 4 reti)
Totali reti nel periodo genoano: 84
Totali reti nel periodo ambrosiano: 25
Totali reti nel periodo laziale: 8
Totali goal segnati dal 1922 al 1934: oltre 142


<La carriera di allenatore e di Ispettore federale>

1936-37       Savona                Allena e gioca nel Savona
1938-39       Savona                Allena e gioca nel Savona
1940-41       Castellamare di Stabia
1941-42       Cavese                Allena e gioca nella Cavese portandola in Serie C
1942-43       Colleferro
1945-46       Savona
1946-47       Savona (serie B)
1948-49       Messina
1950-51       Arsenal-Messina
1951-52       Lecce
1952-53       Savona
1954-55       Ispettore federale in Sicilia per i N.A.G. della F.I.G.C.
1955-56       Firenze                La Fiorentina (Levratto allenatore - Bernardini D.T.) vince il
Campionato
1956-57       Firenze
1958-59       Cuneo
1959-1968   Vado F.C. e si occupa anche dei giovanissimi del Savona, della Veloce Savona e di
altre squadre liguri minori
Ispettore federale dei N.A.G. della F.I.G.C. per la Liguria