Lanfranco Caretti, LINGUA E SPORT

Stampa PDF

Lanfranco Caretti, LINGUA E SPORT, Firenze, Vallecchi, 1973, pp.103

Il mio esaminatore a Letteratura italiana 2 (corso su alcune “Odi” pariniane) ha raccolto nel 1973 in volume quattro articoli (“Note calcistiche”; “Note tennistiche”; “Note ciclistiche”), apparsi in “Lingua Nostra” (rispettivamente: 1951, pp.14-18 e pp.77-80; 1954, pp.20-26) e in “Studi Urbinati” (1955, pp.63-71), con l’aggiunta di un’”Appendice”.

Data una sommaria esemplificazione delle più importanti equivalenze anglo-italiane nelle tre branche di riferimento (ad es.: free kick: “calcio di punizione”; foot judge: “giudice di fondo”; bicycle: “bicicletta”), Caretti sostiene giustamente che, per effetto della progressiva “sostituzione dei termini stranieri  con corrispondenti italiani...la maggior parte dei termini tecnici stranieri si può considerare ormai sostituita , con sufficiente fortuna, da nuovi termini italiani sia presso la stampa che presso i parlanti”. “A qualunque tentativo di sostituzione” -tuttavia- “hanno resistito incrollabilmente alcune parole straniere la cui eccezionale fortuna è dovuta soprattutto alla loro estrema economicità, invano emulata dalla nostra lingua. Si pensi a goal o stop nel calcio, a smash e set nel tennis, a break nel pugilato, a sprint e stayer nel ciclismo, a crawl nel nuoto e via dicendo”: pp.76-77