Beppe Viola, QUELLI CHE

Stampa PDF

Beppe Viola, QUELLI CHE - Racconti di un grande umorista da non dimenticare, Prefazione di Gino&Michele, pp.1-170, Milano, Baldini&Castoldi, 1995

Wonderful a me? - Enterprise very nice - Dio c’è - Gulliver - Mio padre giocava ai cavalli, mio nonno a scopa - Un sogno - Vite vendute - La Luisa del sindacato - Carpi
[là in forma d’abbozzo e col titolo ‘Il dito di Lenin] - Vita da Rai - Lettera al direttore - Offerta speciale - Martina è un bel nome - Il bambino Massimo [col titolo: ‘Inedito’] - Casual più che mai - Il peggior amico del cane -Il Scimmia - Giù le mani da Cardin - Dal bagno con amore - Consigli ai ladri - Don Alessandro sono tratti da: Beppe Viola, VITE VERE, pp.1-171, Milano Libri Edizioni, 1981.

Non lo sono: Il camionista - Ippodromo - Terùn si diventa - Pardis - Il suddetto Salvatore - Lettera indirizzata alla direzione Rai - Il baschetto - Via Lomellina - E se il Pino? - Il cacciatore - La persona - Pallini - Quelli che…

Lo slang meneghino [col glossario.’Tanto per capirci’: pp.167-170] di Viola è gustoso: “..Il Luigin è alleprato per via della libidine, a lui gli rampa di più perdere una gamba [centomila] con sotto una gabola della madonna che vincere una testa [milione] tutto regolare. Lavoriamo la bestia che è un violino, la diamo gobba [mentiamo] anche al patron e la sera prima della corsa [di cavalli] ci scarichiamo nel gozzo un Tir di cozze regalateci da un clanda [bookmaker non ufficiale].

Qualche Quelli che...:
quelli che sarà vent’anni che non giocano più a ping-pong
quelli che in treno guardano gli altri che tiran fuori la roba da mangiare
quelli che di ogni erba fanno un amaro
quelli che a teatro vanno nelle ultime file per non disturbare
quelli  che si fanno spiegare i sogni dallo psicanalista e poi li giocano al lotto.