Manuel Vasquez Montalban, CALCIO 1998

Stampa PDF

Manuel Vasquez Montalban, CALCIO 1998. Una religione in cerca del suo dio, [Futbol 1998. Una religion civil en busca de Diòs, @ Manuel Vasquez Montalban], traduzione di Hado Lyria, pp.1-104, Frassinelli, 1998

Vasquez Montalban (Barcellona 1939-Bangkok 2003), autore di testi di poesia e narrativa e di un apprezzato ciclo di polizieschi, saggista, giornalista e gastronomo.

<Maradona lontano dal potere e dalla gloria. 1991-1997>

Il 17 marzo 1991, dopo Napoli-Bari, dichiarato positivo al controllo antidoping per uso di cocaina, viene squalificato per 15 mesi.
Quaranta giorni più tardi viene trovato in un appartamento di via Franklin, arrestato e incarcerato per consumo di droga.
Uscito di galera scappa in Argentina, dove credeva d’essere al sicuro. Ferlaino minaccia di non farlo giocare più in nessuna squadra al mondo se non fosse tornato a giocare nel Napoli.
Nella sua “Buenos Aires amata” la polizia lo pedina e lo fa finire di nuovo in carcere.
In vista dei Mondiali del 1994, l’intero business calcistico mondiale spera  che la presenza di Maradona agisca nella World Cup degli Usa come induttore per la creazione di una Lega calcistica negli Stati Uniti, stabile e ricca. “..Le multinazionali vogliono partecipare alla scommessa e la World Cup Usa Inc., ente organizzativo sotto la direzione della Fifa, ha ottenuto dieci potenti sponsor: Canon, Coca-cola, Fuji-film, General Motors, Gillette, Jvc, Mastercard, Mc Donald’s, Philips e Snickers. Ciascuna di queste società investe nell’affare venti milioni di dollari e altre associate (tra cui Adidas, Sheraton e Itt) sette milioni.”.
L’allenatore argentino Biliardo, del Siviglia, prepara l’operazione di recupero al calcio, che costa denaro, pressioni politiche e insistenza con il presidente del Napoli.
“..Viene  ingaggiato dal Siviglia, più che giocare passeggia per gli stadi della Spagna, riacquista una minima forma fisica e un fragile equilibrio psichico che non gli impedisce di essere arrestato per aver guidato alticcio e saltato qualche semaforo..Si libera dall’impegno col Siviglia e torna in Argentina per giocare in una squadra secondaria di Rosario, il Newell’s Old Boys..
Non apporta nulla alla sua nuova squadra..Anche se Basile, il selezionatore, non ha troppa fiducia in un possibile contributo di Maradona, sa di non doversi opporre alle pressioni del pubblico. Dalla sua uscita dai Newell’s Old Boys a febbraio, alterna una preparazione fisica accelerata a esplosioni di collera contro la stampa che denotano la sua insicurezza..
Iniziano i campionati e Maradona comincia ad abbagliare il pubblico, ma gioca con precipitazione, come possono assodare gli spettatori di tutto il mondo quando, dopo aver segnato un gol, corre verso l’obiettivo e lo colpisce con l’immagine di un viso alterato e di occhi smarriti.
L’analisi delle urine riscontra tracce di cocaina e il giocatore viene espulso dal campionato e punito con una lunga squalifica.”
Si ritira dal calcio nel novembre 1997.